Skip to main content
European School Education Platform
Expert article

STEAMing up the score

In questo articolo, il dott. Daithí Kearney condivide il suo percorso personale da docente di musica e parla di come le discipline STEAM (scienze, tecnologia, ingegneria, arte e matematica) abbiano influenzato il suo approccio all'insegnamento.
Hands and musical notes
Image: Adobe Stock / ipopba

Quasi dieci anni fa sono andato in Norvegia per partecipare a un programma Erasmus intensivo. Era il mio secondo anno da docente di musica in Irlanda ed ero stato incaricato di tenere una combinazione di lezioni pratiche e teoriche. Ero abituato ad insegnare proponendo dei materiali agli studenti e fornendo loro le informazioni che potessero aiutarli a comprenderli. I miei studenti disponevano già di competenze pregresse nei loro strumenti e tutto l'apprendimento era incentrato sulla musica. Ai fini del raggiungimento degli obiettivi di apprendimento stabiliti nella descrizione dei moduli, questo metodo “funzionava”.

 

In Norvegia mi sono trovato a lavorare insieme a colleghi di diverse discipline, istituzioni e paesi. Ci siamo ritrovati all’interno di una classe interdisciplinare nella quale il mio metodo di insegnamento non funzionava. Nello spazio condiviso, molti studenti non si dedicavano a uno strumento musicale e io non disponevo di un programma di studi prestabilito e specifico per la materia. Non c’era una partitura convenzionale da suonare e talvolta le mie indicazioni in inglese, confuse dal mio accento irlandese, richiedevano del tempo per essere comprese dai partecipanti che non parlavano l’inglese come prima lingua. Al termine delle due settimane, durante le quali avevamo imparato a conoscere le piattaforme petrolifere, storie di fantasmi e la fotografia, abbiamo creato uno spettacolo che aumentasse la consapevolezza del potenziale creativo di ogni partecipante e mettesse in evidenza l’ispirazione che possiamo trarre da tutto ciò che ci circonda.

 

L'educatrice musicale Estelle Jorgenson ci ricorda che gli studenti sono agenti attivi del processo di apprendimento e noi, in qualità di insegnanti, siamo lì per assisterli. Anche noi abbiamo bisogno di assistenza e grazie alla collaborazione con i colleghi, possiamo condividere le nostre conoscenze su “come” e “cosa” insegnare. Abbattendo le barriere del pensiero di settore, ci apriamo a nuove prospettive e approcci che includono, entusiasmano e mettono alla prova insegnanti e studenti, così che possano spingersi più in là della propria materia e dare all’apprendimento un significato più pieno attraverso l’esperienza vissuta. Questo non compromette l'integrità delle discipline e la necessità di dedicarsi all’insegnamento e alla ricerca di settore, tuttavia una struttura più flessibile e fluida consente di sfruttare il potenziale delle materie STEAM.

 

Il mio viaggio nell'apprendimento creativo ed estetico mi ha portato alle discipline STEAM. In qualità di artista, ho potuto trarre ispirazione dal mio coinvolgimento nelle materie scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche, e attraverso l’attività creativa ed estetica, sviluppare una comprensione più profonda e un maggior apprezzamento per concetti e idee che spesso mi avevano intimorito. Cantando e ballando delle api o delle gravità, sono stato in grado di entusiasmare le giovani menti dei miei studenti che hanno sviluppato un legame emotivo e corporeo a questi argomenti. Ma soprattutto, la mia pratica didattica si è evoluta e ho potuto riportare questo approccio più esplorativo nelle mie lezioni “più convenzionali”. Ho potuto conoscere meglio gli interessi e le abilità dei miei studenti al di là della musica.

 

Come artisti, a volte possiamo essere liquidati come un lusso dai nostri colleghi STEM, che magari apprezzano la nostra arte senza mai cercare di comprenderla o riconoscere la scienza, la tecnologia, l'ingegneria e la matematica che fanno parte del nostro lavoro. Come artisti, non solo cerchiamo di sviluppare la nostra comprensione delle discipline STEM, ma dimostriamo anche come possiamo contribuire ed essere fonte di ispirazione per le persone in questi settori. Insieme, possiamo esplorare le meraviglie del mondo intorno a noi e oltre. Come insegnante, permettersi di esplorare l’approccio STEAM e talvolta abbandonare la partitura ha dato origine ad esibizioni più creative che hanno raggiunto o superato i risultati di apprendimento attesi.

 

 

Etnomusicologo, geografo e musicista, il dott. Daithí Kearney è docente di musica, teatro e turismo e co-direttore del Creative Arts Research Centre presso il Dundalk Institute of Technology. Ha partecipato a tre programmi Erasmus intensivi: IP CREAL (2012-2015), SPACE (2016-2019) e NEXT STEP (2019-2022) che si sono occupati della filosofia STEAM per l’istruzione.

 

 

Additional information

  • Education type:
    School Education
  • Target audience:
    Head Teacher / Principal
    Student Teacher
    Teacher
    Teacher Educator
  • Target audience ISCED:
    Lower secondary education (ISCED 2)
    Upper secondary education (ISCED 3)

Tags

Arts
Science

School subjects

Art
Mathematics / Geometry
Music
Natural Sciences