Skip to main content
European School Education Platform
Expert article

Apprendimento sociale ed emotivo per la salute mentale e il benessere

L'impatto psicologico della pandemia ha evidenziato la necessità di rendere i sistemi educativi più attenti e compassionevoli al fine di sostenere le esigenze sociali ed emotive dei bambini e dei giovani. In questo articolo, Carmel Cefai dell'Università di Malta spiega come è possibile affrontare questa questione.
young girls holding hands
Image: Pixabay / MireXa

Le recenti statistiche rivelano una preoccupante tendenza per quanto riguarda la salute mentale e il benessere dei bambini e dei giovani in Europa e oltre.

 

  • Circa il 20 % dei bambini soffre di problemi di salute mentale nel corso del suo percorso scolastico, nel 50 % dei casi questi problemi si sviluppano prima dei 14 anni e nel 75 % tra i 12 e i 25 anni (Ufficio regionale per l'Europa dell’OMS, 2018).
  • Uno studio condotto su 10.000 bambini di età compresa tra gli 11 e i 17 anni ha rivelato che 1 bambino su 5 soffre di depressione e ansia per il futuro a causa di episodi di bullismo, pressioni in ambito scolastico e solitudine (UNICEF/EU, 2021).
  • Il suicidio è la principale causa di morte tra gli adolescenti nei paesi a basso e medio reddito e la seconda causa di morte nei paesi ad alto reddito (Ufficio regionale per l'Europa dell’OMS, 2018).

 

Questi dati preoccupanti evidenziano la necessità di rendere i sistemi educativi più attenti e compassionevoli al fine di sostenere le esigenze sociali ed emotive dei bambini e dei giovani. La ricerca mostra che l'apprendimento sociale ed emotivo (SEL, social and emotional learning) porta ad un aumento degli atteggiamenti positivi, del comportamento prosociale e ad un miglioramento del benessere e dell'apprendimento a scuola. Esso riduce anche le difficoltà sociali, emotive e comportamentali come ansia, depressione, comportamenti suicidari, abuso di sostanze e comportamenti antisociali (Durlak et al, 2011; Goldberg et al, 2019; OCSE, 2021). Questi risultati positivi sono stati osservati nei giovani dalla scuola dell’infanzia all’istruzione secondaria e in diversi contesti culturali e socioeconomici.

 

Il rapporto NESET sul potenziamento dell’apprendimento sociale ed emotivo in Unione europea (Cefai et al, 2018) propone un approccio scolastico globale, sistemico e basato sulle evidenze scientifiche che combini un approccio basato sul programma a un clima scolastico positivo per migliorare il benessere degli studenti e degli educatori. Questo approccio deve coinvolgere l'intera comunità scolastica, compresi il personale, gli studenti e i genitori, insieme alla comunità locale e agli altri portatori d’interesse per facilitare l’introduzione dell’apprendimento sociale ed emotivo ai diversi livelli scolastici:

 

  • Programma: Il programma SEL è costituito da competenze basate su un approccio esperienziale all'apprendimento che sviluppa competenze intra e interpersonali dalla scuola della prima infanzia all'istruzione secondaria.
  • Clima scolastico e di classe: Il programma SEL deve essere sostenuto da un clima positivo in classe e in tutta la scuola, al fine di creare un contesto in cui gli studenti si possano sentire sicuri, inclusi e rispettati e a cui sentano di appartenere.
  • Intervento precoce: Gli approcci SEL si rivelano particolarmente efficaci quando vengono introdotti a partire dalla scuola dell’infanzia.
  • Voce degli studenti: Gli studenti devono essere attivamente coinvolti nello sviluppo, nell'implementazione e nella valutazione del programma di studi.
  • Interventi mirati: Un approccio universale SEL dovrebbe essere accompagnato da interventi mirati a favore degli studenti vulnerabili che potrebbero aver bisogno di ulteriori forme di sostegno.
  • Formazione e benessere degli insegnanti: Gli insegnanti hanno bisogno di formazione al fine di facilitare l'adozione degli approcci SEL attraverso la loro pratica didattica per sviluppare le proprie competenze sociali ed emotive e prendersi cura della propria salute e del proprio benessere.
  • Collaborazione dei genitori: Il coinvolgimento dei genitori è facilitato da un approccio partecipativo in cui i genitori ricevono la formazione necessaria per sostenere l’apprendimento sociale ed emotivo dei figli.
  • Partenariati con la comunità locale e i professionisti della salute mentale: La comunità locale e gli altri portatori d’interesse sono risorse cruciali per l'adozione di un approccio scolastico globale e sistemico.
  • Implementazione di qualità: Un approccio SEL efficace deve essere pianificato e implementato con formazione, risorse e supporto adeguati e con il coinvolgimento attivo dell'intera comunità scolastica.
  • Adattamento al contesto locale: Gli interventi devono tenere conto dei contesti culturali delle scuole e degli interessi e delle necessità degli studenti attraverso un approccio partecipativo dal basso.

 

Conclusioni

 

Le statistiche relative alla salute mentale e al benessere dei bambini e dei giovani, e le prove che dimostrano che gli approcci SEL aiutano a promuovere il benessere e a prevenire l’insorgenza di problemi di salute mentale nei periodi critici della vita dei giovani, evidenziano la necessità di reimmaginare l’istruzione affinché possa rappresentare le realtà e rispondere alle sfide del periodo post-COVID del XXI secolo. La promozione del benessere e della salute mentale nel quadro di un approccio scolastico globale e sistemico deve essere uno degli obiettivi principali dell’istruzione.

 

Carmel Cefai, PhD (Lond), FBPS, è docente di psicologia e direttore del Centre for Resilience and Socio-Emotional Health all’Università di Malta. Ha fatto ricerche e pubblicato diffusamente su questioni relative all'educazione sociale ed emotiva e alla resilienza. Ha iniziato la sua carriera come insegnante.

 

References

 

Cefai, C., Bartolo, P., Cavioni, V., & Downes, P. (2018). Strengthening social andemotional education as a key curricular area across the EU: A review of theinternational evidence. NESET Report. Luxembourg: Publications Office of the European Union.

 

Durlak, J. A.; Weissberg, R. P.; Dymnicki, A. B.; Taylor, R. D. (2011). The impact of enhancing students’ social and emotional learning: A meta-analysis of school-based universal interventions. Child Development, 82 (1), 474-501.

 

Goldberg, J. M., Sklad, M., Elfrink, T. R., Schreurs, K. M. G., Bohlmeijer, E. T. and Clarke, A. M. (2019). Effectiveness of interventions adopting a whole school approach to enhancing social and emotional development: a meta-analysis. European Journal of Psychology of Education, 34(4), 755–782.

 

OECD (2021) Beyond Academic Learning.

 

UNICEF and the European Union (2021) Our Europe, Our Rights, Our Future.

 

WHO Regional Office for Europe (2018). Adolescent mental health in the European Region.

 

WHO Regional Office for Europe (2020). Spotlight on adolescent health and well-being. Findings from the 2017/2018 Health Behaviour in School-aged Children (HBSC) survey in Europe and Canada International report.

 

Additional information

  • Education type:
    School Education
  • Target audience:
    Head Teacher / Principal
    School Psychologist
    Student Teacher
    Teacher
    Teacher Educator
  • Target audience ISCED:
    Primary education (ISCED 1)
    Lower secondary education (ISCED 2)
    Upper secondary education (ISCED 3)

Tags

Social skills
Well-being

Key competences

Personal
Personal, social and learning to learn
Social and learning